Archivio 2014

D.M. 140/2014 – Consiglio di Stato Sezione consultiva Parere 4 giugno 2014, n. 1802

Il Consiglio di Stato, con il parere 4 giugno 2014, n. 1802, esprime parere favorevole sullo schema di regolamento predisposto dal Ministero della Giustizia concernente la determinazione dei criteri, dei contenuti e delle modalità di svolgimento dei corsi di formazione iniziale e periodica degli amministratori di condominio, nonché dei requisiti necessari per esercitare la predetta attività formativa. Tale regolamento ha lo scopo di implementare la preparazione, le competenze e la professionalità degli aspiranti amministratori di condominio e di coloro che già svolgono detta funzione. Il decreto del Ministero della Giustizia, contenente il suddetto regolamento,  sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale il giorno 24 settembre 2014, dando [...]

Legittimazione ad agire – Civile Sent. Sez. U Num. 19663 Anno 2014

Nel caso di giudizio intentato dal Condominio e del quale, pur trattandosi di diritti connessi alla partecipazione di singoli condomini al condominio, costoro non siano stati partì, spetta esclusivamente al Condominio, in persona del suo amministratore, a ciò autorizzato da delibera assembleare, far valere il diritto alla equa riparazione per la durata irragionevole di detto giudizio. s-u-19663-2014  

Riflessioni sul D.M.140/2014

Decreto per la formazione degli amministratori di condominio. Decreto del Ministero della Giustizia (n. 140 del 13 agosto 2014) per la formazione iniziale e periodica degli amministratori di condominio è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 222 del 24 settembre 2014. Speravamo che il provvedimento ministeriale dettasse linee guida più rigide sui contenuti e sulle modalità di svolgimento dei corsi anche perché con l’entrata in vigore della L.220/2012, abbiamo assistito alla nascita di enti di varia natura per la formazione di amministratore di condominio con la pubblicizzazione di corsi con un monte ore bassissimo e costi ridicoli. L’art. 2 D.M. [...]

Consiglio di Stato – Sez. Consultiva- Parere 4 giugno 2014, n.1802

Il Consiglio di Stato, con il parere 4 giugno 2014, n. 1802, esprime parere favorevole sullo schema di regolamento predisposto dal Ministero della Giustizia concernente la determinazione dei criteri, dei contenuti e delle modalità di svolgimento dei corsi di formazione iniziale e periodica degli amministratori di condominio, nonché dei requisiti necessari per esercitare la predetta attività formativa.   Consiglio di Stato Sezione Consultiva Parere 4 giugno 2014, n. 1802 Numero 01802/2014 e data 04/06/2014 REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 22 maggio 2014 NUMERO AFFARE 00836/2014 OGGETTO: Ministero della giustizia. Schema [...]

Decreto sulla formazione dell’amministratore di condominio – D.M. 140/2014

Decreto 13 agosto 2014 n. 140 - Regolamento recante la determinazione dei criteri e delle modalità per la formazione degli amministratori di condominio nonchè dei corsi di formazione per gli amministratori condominiali 14 ottobre 2014 (Gazzetta Ufficiale n. 222 del 24 settembre 2014) IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Vista la legge 11 dicembre 2012, n. 220; Visto l'articolo 71-bis delle disposizioni per l'attuazione del Codice civile e disposizioni transitorie, pe come modificato dall'articolo 25 della legge 11 dicembre 2012, n.220, recante "Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici"; Visto l'articolo 1, comma 9, lettera a), del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. [...]

Vizi della cosa locata.Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 12 giugno– 19 settembre 2014, n. 19744

La responsabilità del locatore per i danni derivanti dall'esistenza dei vizi sussiste anche in relazione a vizi preesistenti la consegna ma manifestatisi successivamente ad essa nel caso in cui il locatore poteva conoscere, usando l'ordinaria diligenza, i vizi secondo la disciplina di cui all'art. 1578 c.c. (Cass. 9 luglio 2008, n. 18854 e Cass. 10 agosto 1991, n. 8729) e che il locatore è tenuto a risarcire il danno alla salute subito dal conduttore in conseguenza delle condizioni abitative dell'immobile locato quand'anche tali condizioni fossero note al conduttore al momento della conclusione del contratto, in quanto la tutela del diritto [...]

Crediti privilegiati.Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 28 maggio – 30 luglio 2014, n. 17270

Il privilegio speciale sul bene immobile, che assiste, ai sensi dell'art. 2775 bis c.c., i crediti del promissario acquirente conseguenti alla mancata esecuzione del contratto preliminare trascritto ex art. 2645 bis c.c., siccome subordinato ad una particolare forma di pubblicità costitutiva (come previsto dall'ultima parte dell'art. 2745 c.c.), resta sottratto alla regola generale di prevalenza dei privilegio sull'ipoteca, sancita, se non diversamente disposto, dal 2° comma dell'art. 2748 c.c., e soggiace agli ordinari principi in tema di pubblicità degli atti. Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 28 maggio – 30 luglio 2014, n. 17270 Presidente Rordorf – Relatore Cristiano [...]

Delibera assembleare.Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza 2 aprile – 28 luglio 2014, n. 33227

La pendenza di un giudizio, relativamente alla legittimità di una delibera assembleare, non paralizza la facoltà del condominio di nuove determinazioni sul medesimo oggetto (magari, e per esempio, a fini di revoca della delibera contestata). Ma la reiterabilità non implica la legittimità della nuova delibera, qualunque ne sia il contenuto, e neppure implica la cessazione della materia del contendere nell'ambito del giudizio già pendente. Ad entrambi i fini è necessario che il provvedimento finale sia conforme alla legge, con l'ovvia implicazione che tale conformità è suscettibile di verifica giudiziale, ad entrambi gli effetti. Il provvedimento ex art. 2377 cod. civ. [...]

Supercondominio.Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 3 ottobre 2013 – 19 settembre 2014, n. 19800

Nel caso di pluralità di edifici, costituiti in distinti condomini, ma compresi in una più ampia organizzazione condominiale, (cosiddetti "supercondomini"), legati tra loro dalla esistenza di talune cose, impianti e servizi comuni (quali il viale d'accesso, le zone verdi, l'impianto di illuminazione, la guardiola del portiere, il servizio di portierato, etc.), in rapporto di accessorietà con i fabbricati, si applicano a dette cose, impianti, servizi le norme sul condominio negli edifici, e non quelle sulla comunione in generale (Cass. n. 9096 del 2000). Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 3 ottobre 2013 - 19 settembre 2014, n. 19800 Presidente [...]

Luci e vedute.Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 24 giugno – 16 settembre, n. 19480

Qualora sia aperta una luce irregolare, il vicino non ha per ciò solo diritto alla chiusura, quando sia possibile renderla conforme alle prescrizioni vigenti, demandando al prosieguo del giudizio la verifica circa la possibilità e le modalità della eventuale regolarizzazione. Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 24 giugno – 16 settembre, n. 19480 Presidente Bursese – Relatore Migliucci Svolgimento del processo 1. - B.S. conveniva in giudizio dinanzi al Giudice di pace di Portogruaro Bo.Lu. per sentirlo condannare all'estirpazione di piante ed alberi esistenti sul fondo di quest'ultimo, attiguo a quello di proprietà dell'attore, e situati a distanza inferiore [...]