Magazine

/Magazine

Isa – Circolare dell’Agenzia delle Entrate del 9 settembre 2019, n. 20

Indici sintetici di affidabilità fiscale – periodo di imposta 2018 – ulteriori chiarimenti in risposta ad alcuni quesiti pervenuti da associazioni di categoria e ordini professionali. Circolare dell’Agenzia delle Entrate del 9 settembre 2019, n. 20

Distanza minima tra edifici – TAR Piemonte Sez. II n. 781 del 4 luglio 2019

La distanza minima di 10 metri tra pareti finestrate di edifici antistanti prescritta dall’art. 9 del D.M. 1444/1968, in quanto volta alla salvaguardia di imprescindibili esigenze igenico-sanitarie, è inderogabile, pena l’annullamento o la disapplicazione degli strumenti urbanistici e dei regolamenti contrastanti. Essa, peraltro, si applica soltanto in caso di nuove costruzioni, a cui può essere equiparata la ristrutturazione urbanistica; negli altri casi, ove si tratti di edifici preesistenti, va mantenuta la distanza esistente. TAR Piemonte Sez. II n. 781 del 4 luglio 2019 Pubblicato il 04/07/2019 N. 00781/2019 REG.PROV.COLL. N. 00175/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il [...]

Beni ambientali – Ordine di rimessione in pristino – Cass. Sez. III n. 30692 del 12 luglio 2019 (UP 29  mag  2019)

L’ordine di rimessione in pristino ha un maggiore ambito di operatività rispetto all’ordine di demolizione, comprensiva dell’abbattimento del manufatto abusivo e non può pertanto definirsi con esso coincidente, sicché il suo mantenimento, in presenza di una sentenza di assoluzione dal reato paesaggistico originariamente contestato unitamente alla violazione urbanistica per la quale interviene condanna e conseguente ordine di demolizione ai sensi dell’art. 31, comma 9 d.P.R. 380\01 non può ritenersi giustificato. Cass. Sez. III n. 30692 del 12 luglio 2019 (UP 29  mag  2019) Pres. Lapalorcia  Est. Ramacci Ric. Monti RITENUTO IN FATTO 1. La Corte d'Appello di Napoli, con sentenza [...]

Sicurezza lavoro – Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 20 marzo – 12 settembre 2019, n. 37761

In materia di infortuni sul lavoro, il committente ha l’obbligo di verificare l’idoneità tecnico-professionale dell’impresa e dei lavoratori autonomi prescelti in relazione anche alla pericolosità dei lavori affidati. In base all’attuale quadro normativo, la responsabilità del committente è stata configurata per la violazione di alcuni obblighi specifici, quali l’informazione sui rischi dell’ambiente di lavoro e la cooperazione nell’apprestamento delle misure di protezione e prevenzione, ritenendosi che resti ferma la responsabilità dell’appaltatore per l’inosservanza degli obblighi prevenzionali su di lui gravanti. Il dovere di sicurezza, con riguardo ai lavori svolti in esecuzione di un contratto di appalto o di prestazione d’opera, [...]

Reati edilizi – Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 13 giugno – 10 settembre 2019, n. 37475

La contravvenzione di esecuzione di lavori "sine titulo" sussiste anche nel caso in cui il permesso di costruire, pur apparentemente formato, sia illegittimo per contrasto con la disciplina urbanistico-edilizia di fonte normativa o risultante dalla pianificazione.  Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 13 giugno – 10 settembre 2019, n. 37475 Presidente Ramacci – Relatore Reynaud Ritenuto in fatto Con ordinanza del 7 marzo 2019, il Tribunale di Salerno ha respinto l’istanza di riesame proposta da M.F. e volta ad ottenere l’annullamento dell’ordinanza con cui il g.i.p., convalidando il provvedimento assunto in via d’urgenza dal pubblico ministero, aveva disposto il [...]

Agevolazioni prima casa in presenza di un altro immobile acquistato ad aliquota Iva al 4% –

Applicabilità delle agevolazioni prima casa ai sensi della Nota II-bis, comma 4-bis, all’articolo 1 della Tariffa, parte prima, allegata al Dpr 26 aprile 1986, n. 131, in caso di possidenza di altro immobile situato nello stesso Comune non acquistato con le agevolazioni prima casa in quanto acquistato con atto soggetto ad aliquota Iva al 4% da Società costruttrice prima del 22 maggio 1993. - Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212. ***************************** L’applicazione della disposizione di cui al comma 4-bis, dell’articolo 1, della tariffa, parte prima, allegata al TUR, permette al contribuente di derogare temporaneamente [...]

Agevolazioni prima casa in presenza di altro immobile di proprietà dato in locazione – Agenzia delle Entrate del 10 settembre 2019, n. 378

Inapplicabilità delle agevolazioni prima casa in caso di possidenza di altro immobile situato nello stesso Comune concesso in locazione. - Nota II-bis) posta in calce all’articolo 1 della tariffa parte prima, allegata al Dpr 26 aprile 1986, n. 131. - Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212. ************** Si ritiene che nella fattispecie in esame l’istante non possa fruire dei benefici prima casa, avendo la proprietà di altro immobile ubicato nello stesso Comune e non potendo, dunque, dichiarare nell'atto di acquisto “di non essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di [...]

Il rapporto tra preliminare e definitivo – Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 6 maggio – 2 settembre 2019, n. 21951

La giurisprudenza prevalente ritiene che il contratto definitivo costituisca l’unica fonte dei diritti e delle obbligazioni tra le parti (Cass. 5.6.2012 n. 9063, Cass. n. 15585/2007, Cass. n. 233/2007, Cass. n. 2824/2003), a differenza di parte della dottrina che, in virtù della teoria procedimentale, ritiene utile la valutazione del collegamento funzionale tra preliminare e definitivo.   Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 6 maggio – 2 settembre 2019, n. 21951 Presidente Orilia – Relatore Correnti Fatti di causa M.A. propone ricorso per cassazione contro Mo.Gu. e S.G. , in proprio e quali soci illimitatamente responsabili della So.Co immobiliare snc [...]

Contratto preliminare di vendita e prescrizione -Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza 20 marzo – 2 settembre 2019, n. 21947

L’esecuzione del preliminare ovvero la sua risoluzione, e la parte acquirente, che agisce per l’esecuzione del contratto dichiarandosi disponibile al pagamento della residua parte del prezzo, integra il riconoscimento del diritto che interrompe la prescrizione ai sensi dell’art. 2944 c.c..   Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza 20 marzo – 2 settembre 2019, n. 21947 Presidente Lombardo – Relatore Picaroni Fatti di causa Il Tribunale di Avezzano, con la sentenza n. 824 del 2009, accolse la domanda formulata con ricorso in via monitoria dal Fallimento (omissis) s.a.s., condannò per l’effetto B.B.G.S. al pagamento di Euro 12.911,42 oltre interessi e spese [...]

Fatturazione elettronica – Risposta dell’Agenzia delle Entrate del 28 agosto 2019, n. 348

  Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – fattura elettronica emessa in nome e per conto del prestatore – soggetto tenuto alla firma digitale L’articolo 21, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, stabilisce che “Per ciascuna operazione imponibile il soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio emette fattura, anche sotto forma di nota, conto, parcella e simili, o, ferma restando la sua responsabilità, assicura che la stessa sia emessa, per suo conto, dal cessionario o dal committente ovvero da un terzo.”. [...]