Info Legali

//Info Legali

Privacy – Telecamere sul luogo di lavoro – Sentenza della CEDU, Grand Chambre, caso Lopez Ribalda ed altri c. Spagna (ric. 1874/13)

Telecamere sul luogo di lavoro: dichiarazione di Antonello Soro, Presidente del Garante per la privacy, su sentenza Corte di Strasburgo La sorveglianza occulta non diventi prassi ordinaria. I controlli devono essere proporzionati e non eccedenti "La sentenza della Grande Camera della Corte di Strasburgo se da una parte giustifica, nel caso di specie, le telecamere nascoste, dall'altra conferma però il principio di proporzionalità come requisito essenziale di legittimazione dei controlli in ambito lavorativo. L'installazione di telecamere nascoste sul luogo di lavoro è stata infatti ritenuta ammissibile dalla Corte solo perché, nel caso che le era stato sottoposto, ricorrevano determinati presupposti: vi [...]

Whistleblower – Delibera Anac del 4 settembre 2019, n. 782

Procedimento sanzionatorio avviato ex art. 54 bis co. 6 primo periodo del D.lgs. n. 165/2001 nei confronti del (responsabile) per l’adozione di misure ritorsive nei confronti del dipendente che segnala illeciti ai sensi dell’art 54 bis co. 1 d.lgs. 165/2001. Delibera Anac del 4 settembre 2019, n. 782

Privacy – Manuale in italiano per RPD

T4DATA: la versione italiana del manuale per gli RPD pubblici disponibile gratuitamente sul sito del Garante Un vademecum utile per tutti i soggetti impegnati nell'applicazione del Regolamento Ue 2016/679 E' da oggi disponibile sul sito web del Garante per la protezione dei dati personali la versione italiana del Manuale per gli RPD (Responsabili della protezione dati) del settore publico, che si affianca alla versione inglese già pubblicata in precedenza. Il vademecum delinea e illustra con esempi pratici il ruolo e gli specifici compiti del RPD operante in un soggetto pubblico. Affronta e approfondisce inoltre temi generali, come l’evoluzione normativa in tema [...]

Privacy – Codice di condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti [9141941]

Provvedimento del 12 settembre 2019 Registro dei provvedimenti n. 163 del 12 settembre 2019 IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, alla presenza del dott. Antonello Soro, presidente, della dott.ssa Augusta Iannini, vicepresidente, della prof.ssa Licia Califano, della dott.ssa Giovanna Bianchi Clerici, componenti e del dott. Giuseppe Busia, segretario generale; VISTO il Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (di seguito “Regolamento”); VISTO il [...]

Privacy – Corte di Giustizia EU, Grande Sezione, sentenza 24 settembre 2019, causa C-136/17 -Corte di Giustizia EU, Grande Sezione, sentenza 24 settembre 2019, causa C-507/17

Privacy - Richiesta a un motore di ricerca della deindicizzazione e del diritto all'oblio Le disposizioni dell’articolo 8, paragrafi 1 e 5, della direttiva 95/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 ottobre 1995, relativa alla tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati, devono essere interpretate nel senso che i divieti o le restrizioni riguardanti il trattamento di categorie particolari di dati personali, di cui alle suddette disposizioni, si applicano, fatte salve le eccezioni previste dalla stessa direttiva, anche al gestore di un motore di ricerca nell’ambito delle [...]

Privacy – Diritto all’oblio -Newsletter n. 457 del 23 settembre 2019 – Garante per la protezione dei dati personali

Diritto all’oblio anche per chi si riabilita La permanenza in rete di notizie di cronaca giudiziaria non aggiornate può rappresentare un ostacolo al reinserimento sociale di una persona. Il diritto all’oblio va riconosciuto anche a chi è stato riabilitato dopo una condanna. Il principio è stato affermato dal Garante privacy, che ha ordinato a Google la rimozione di due Url che rimandavano ad informazioni giudiziarie non più rappresentative della attuale situazione di un imprenditore. L’interessato, dopo aver tentato di far deindicizzare le pagine direttamente a Google, si era rivolto all’Autorità lamentando il pregiudizio derivante alla propria reputazione personale e professionale dalla [...]

Privacy – Violazioni di dati personali (Data Breach)

COSA È UNA VIOLAZIONE DEI DATI PERSONALI (DATA BREACH)?*  Una violazione di sicurezza che comporta - accidentalmente o in modo illecito - la distruzione, la perdita, la modifica, la divulgazione non autorizzata o l’accesso ai dati personali trasmessi, conservati o comunque trattati. Una violazione dei dati personali può compromettere la riservatezza, l’integrità o la disponibilità di dati personali. Alcuni possibili esempi: - l’accesso o l’acquisizione dei dati da parte di terzi non autorizzati; - il furto o la perdita di dispositivi informatici contenenti dati personali; - la deliberata alterazione di dati personali; - l’impossibilità di accedere ai dati per cause [...]

Privacy – Incarico DPO a persona giurifìdica e rapporto con la persona fisica che svolge l’incarico – TAR Puglia, sez. III, sentenza 28 maggio – 13 settembre 2019, n. 1468

Le Linee Guida sui responsabili della protezione dati, di rilievo europeo, emanate dal Gruppo di lavoro per la protezione dei dati,  espressamente prevedono, nel caso in cui la funzione di R.P.D. (o DPO) sia esercitata da una persona giuridica, che “ciascun soggetto appartenente alla persona giuridica e operante come RPD soddisfi tutti i requisiti applicabili come fissati nella sezione 4 del RGPD”, così, implicitamente ma inequivocabilmente, dando atto del fatto che il soggetto (persona fisica) operante come R.P.D. debba essere appartenente alla persona giuridica   TAR Puglia, sez. III, sentenza 28 maggio – 13 settembre 2019, n. 1468 Presidente D’Arpe [...]

Il rapporto tra preliminare e definitivo – Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 6 maggio – 2 settembre 2019, n. 21951

La giurisprudenza prevalente ritiene che il contratto definitivo costituisca l’unica fonte dei diritti e delle obbligazioni tra le parti (Cass. 5.6.2012 n. 9063, Cass. n. 15585/2007, Cass. n. 233/2007, Cass. n. 2824/2003), a differenza di parte della dottrina che, in virtù della teoria procedimentale, ritiene utile la valutazione del collegamento funzionale tra preliminare e definitivo.   Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 6 maggio – 2 settembre 2019, n. 21951 Presidente Orilia – Relatore Correnti Fatti di causa M.A. propone ricorso per cassazione contro Mo.Gu. e S.G. , in proprio e quali soci illimitatamente responsabili della So.Co immobiliare snc [...]

Contratto preliminare di vendita e prescrizione -Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza 20 marzo – 2 settembre 2019, n. 21947

L’esecuzione del preliminare ovvero la sua risoluzione, e la parte acquirente, che agisce per l’esecuzione del contratto dichiarandosi disponibile al pagamento della residua parte del prezzo, integra il riconoscimento del diritto che interrompe la prescrizione ai sensi dell’art. 2944 c.c..   Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza 20 marzo – 2 settembre 2019, n. 21947 Presidente Lombardo – Relatore Picaroni Fatti di causa Il Tribunale di Avezzano, con la sentenza n. 824 del 2009, accolse la domanda formulata con ricorso in via monitoria dal Fallimento (omissis) s.a.s., condannò per l’effetto B.B.G.S. al pagamento di Euro 12.911,42 oltre interessi e spese [...]